Scritto il 6 Settembre 1997

La mattina dopo il dolore: risurrezione e salvezza nell’esperienza cristiana

La mattina dopo il dolore: risurrezione e salvezza nell’esperienza cristiana

Fossano, 5-6 settembre 1997

Era tardi per l’uomo,
ma ancora presto per Dio;
il creato impotente ad aiutarci,
ma la preghiera ci restava a fianco.
E.DICKINSON, Poesie e lettere, Sansoni, 219

Il problema

1. Il fatto: Gesù è risorto o no?

     A questo risponde la fede o la ragione?

2. Ma che significa “risorto”?

     E’ fatto storico?
     Riguarda l’opera o la persona di Gesù?
     Riguarda l’essere e/o il corpo di Gesù?
     Per gli Apostoli è intuizione o manifestazione?

3. E per noi, quali conseguenze?

     E’ la risurrezione di Gesù che fa la nostra salvezza?
     Cosa vuol dire questo per il “qui ed ora”?
     Noi risorgeremo?

I testi

     1 Cor 15; Gv 20 e 21.

I dati per ragionare

     Dati primitivi fondamentali
     Linguaggi e esperienze nella Chiesa
     La realtà del corpo del Signore
     La Chiesa rende presente il Cristo risorto?

Letture

  • Voce: Risurrezione , da: NDT
  • E. SALMANN, Contro Severino. Incanto e incubo del credere , Piemme, 240-241; 278-279;290-294.
  • Voce: Risurrezione , da: L. BOUYER, Breve Dizionario di Teologia, EDB, 327-328.
  • Gh. LAFONT, Storia teologica della Chiesa , San Paolo, 362-365.

Materiali

  • Schema del seminario e letture (PDF)

Registrazioni

Descrizione dello schema di lavoro
Commento al testo di Salmann

Potrebbe interessarti:


La tomba vuota

Correva l’anno 1993 e l’Atrio dei Gentili non era ancora stato fondato, anche se i presupposti c’erano già tutti. Come la Lectio divina. In uno dei primi “cicli” tenuti a Fossano Stella Morra commentava…

Associazione Culturale
L'Atrio dei Gentili

Via Vescovado, 12
I-12045 Fossano (CN)

info@atriodeigentili.it

Con il supporto di: