L’esperienza della Lectio


“Quando un gruppo di adulti si interroga sulla Parola di Dio, gli effetti sono spesso imprevedibili: così ci è successo. Un gruppo di amici, che avevano condiviso tratti di cammino formativo comune nell’adolescenza e nei primi anni della giovinezza, che si erano dispersi, si sono ritrovati, ormai parecchi anni fa, intorno al desiderio di leggere insieme la Parola di Dio, ritrovandone un gusto e uno spessore che, hanno scommesso allora, non dipendeva dai quindici anni adolescenti e entusiasti di chi leggeva.
Cercavamo un sapore adulto, che non fosse insipido o stereotipato, che non lasciasse la nostra vita quotidiana lontana, che muovesse cuore e intelligenza insieme e non avesse come prima preoccupazione quella di tradursi in servizi, impegni e dover fare. Cercavamo un sapore per noi, che ci nutrisse e interrogasse, che ci piacesse.

Così abbiamo scelto un metodo antico, la lectio divina, che consentisse gratuità e pazienza. E da allora, ogni mese, ormai da molti anni, ci ritroviamo: siamo diventati di più, amici che non conoscevamo si sono aggiunti per strada, e continuiamo ad interrogare la Parola. […] Questo metodo non nasce per essere scritto: è una lettura viva, che si fa, si ascolta; per questo è difficile fermarlo sulla carta e il testo scritto non rende giustizia della vivacità e della forza che attraversano il tempo speso “curvi sulla Parola” come dice l’apostolo Giacomo. Abbiamo trovato risposta a quello che cercavamo? Certo un sapore sì, una allegria dell’incontro con la Parola che temevamo di aver dimenticato. Insieme abbiamo scoperto che la familiarità con la Scrittura è una ricostruzione paziente e procede di pari passo con la “familiarità” con la propria stessa vita. Cercando la Parola abbiamo trovato parole per dire noi stessi. E intorno a questo, che rimane il cuore pulsante, sono nate così molte altre occasioni e modi di incontro; ci siamo costituiti in associazione, l’Atrio dei Gentili, il cui nome stesso vorrebbe essere indicativo di uno spazio intermedio, tra il tempio e la vita così com’è, dove chiunque, “giudeo o greco”, possa trafficare la propria esistenza e fermarsi un poco, ospite di se stesso e degli altri.”

(tratto dall’Introduzione al libro:
Stella Morra, “Come? Un itinerario sul domandare a Dio”, Ed. Esperienze, Fossano, 2000)


Per approfondire:

Associazione Culturale
L'Atrio dei Gentili

Via Vescovado, 12
I-12045 Fossano (CN)

info@atriodeigentili.it

Con il supporto di: