Scritto il 26 Luglio 2010

Il Papa parla nuovamente di atrio dei gentili

Il Papa parla nuovamente di atrio dei gentili

Il 16 maggio scorso è stata celebrata la 44ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali: tema: “Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media al servizio della Parola”. Nel suo messaggio Benedetto XVI ha di nuovo parlato di “cortile dei gentili” (lo aveva già fatto nel dicembre 2009, nel discorso di auguri alla Curia romana). Ecco il passaggio che ci interessa:

«Nel Messaggio dello scorso anno ho incoraggiato i responsabili dei processi comunicativi a promuovere una cultura di rispetto per la dignità e il valore della persona umana. E’ questa una delle strade nelle quali la Chiesa è chiamata ad esercitare una “diaconia della cultura” nell’odierno “continente digitale”. Con il Vangelo nelle mani e nel cuore, occorre ribadire che è tempo anche di continuare a preparare cammini che conducono alla Parola di Dio, senza trascurare di dedicare un’attenzione particolare a chi si trova nella condizione di ricerca, anzi procurando di tenerla desta come primo passo dell’evangelizzazione. Una pastorale nel mondo digitale, infatti, è chiamata a tener conto anche di quanti non credono, sono sfiduciati ed hanno nel cuore desideri di assoluto e di verità non caduche, dal momento che i nuovi mezzi consentono di entrare in contatto con credenti di ogni religione, con non credenti e persone di ogni cultura. Come il profeta Isaia arrivò a immaginare una casa di preghiera per tutti i popoli (cfr Is 56,7), è forse possibile ipotizzare che il web possa fare spazio – come il “cortile dei gentili” del Tempio di Gerusalemme – anche a coloro per i quali Dio è ancora uno sconosciuto? Lo sviluppo delle nuove tecnologie e, nella sua dimensione complessiva, tutto il mondo digitale rappresentano una grande risorsa per l’umanità nel suo insieme e per l’uomo nella singolarità del suo essere e uno stimolo per il confronto e il dialogo. Ma essi si pongono, altresì, come una grande opportunità per i credenti. Nessuna strada, infatti, può e deve essere preclusa a chi, nel nome del Cristo risorto, si impegna a farsi sempre più prossimo all’uomo».


Potrebbe interessarti:


|

La rinuncia di Benedetto XVI

In questi giorni, dopo lo storico gesto di Benedetto XVI compiuto l’11 di febbraio, da più parti ci hanno segnalato articoli e riflessioni: ve li proponiamo. Articolo “Il Cristianesimo dopo Benedetto XVI” di Giancarla Codrigna…
|

Ci scrive il Vescovo…

Nei giorni scorsi al Presidente dell’Atrio dei Gentili è arrivato dal nostro Vescovo Giuseppe Cavallotto un messaggio che volentieri pubblichiamo. Caro Presidente, ho letto con piacere il programma dei prossimi incontri dell’Atrio dei …
|

Ancora sull’Atrio dei Gentili (Enzo Bianchi)

Nella rubrica “Caro Diogneto” su Jesus di aprile, il priore di Bose Enzo Bianchi pubblica una riflessione a partire dal già citato discorso di auguri di Benedetto XVI alla Curia romana nel dicembre scorso, là dove si afferma che che &#…

Associazione Culturale
L'Atrio dei Gentili

Via Vescovado, 12
I-12045 Fossano (CN)

info@atriodeigentili.it

Con il supporto di: