Scritto il 4 Novembre 2014

Caritas, al via la campagna “Adotta una famiglia di profughi iracheni”

Caritas, al via la campagna “Adotta una famiglia di profughi iracheni”

Caritas Italiana lancia una campagna di gemellaggi per l‘adozione di famiglie di profughi iracheni. L’appello di Papa Francesco per i cristiani del Medio Oriente hanno trovato riscontro anche negli incontri che una delegazione della Conferenza episcopale italiana – guidata dal segretario generale, monsignor Nunzio Galantino – ha avuto visitando due settimane fa i campi profughi a Erbil, nel Kurdistan iracheno (nella foto). Assieme alla riconoscenza sia per il milione di euro messo a disposizione dalla Cei per la prima emergenza sia per i 2 milioni e 300mila euro destinati alla costruzione di un’Università cattolica – entrambi stanziati dai fondi otto per mille – i vescovi locali hanno chiesto di avviare una collaborazione a più lunga scadenza. Caritas Italiana si è così fatta promotrice di alcune proposte concrete, su cui si chiede alle famiglie, alle parrocchie e alle diocesi di convergere, per quanto sarà loro possibile.

La prima (denominata “Progetto Famiglia”) riguarda la realizzazione di gemellaggi con famiglie di profughi, finalizzati ad assicurare un minimo dignitoso a una famiglia di 5 persone. Ci si può impegnare per un mese (140 euro), per un trimestre (420 euro), per un semestre (840 euro) o per un anno (1.680 euro).

La seconda proposta (“Progetto Casa”) concerne l’acquisto di 150 container per l’alloggio di altrettante famiglie. In questo caso, il costo è di 3.140 euro per unità.

Infine, la terza iniziativa (“Progetto Scuola”) riguarda l’acquisto di 6 autobus per il trasporto dei bambini in 8 scuole a Erbil e a Dahuk: ogni pullman costa 40.720 euro.

Per sostenere gli interventi, le offerte vanno inviate a Caritas Italiana, via Aurelia 796 – 00165 Roma, tramite c/c postale n. 347013, specificando nella causale: Gemellaggi l’Iraq / Progetto Famiglia (oppure Casa oppure Scuola). Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui: UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119; Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474; Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013; Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113; on line su www.caritas.it.


Potrebbe interessarti:


Il Medio Oriente visto dal Nunzio Apostolico Giorgio Lingua

Che sta accadendo in Medio Oriente dopo le promesse della “primavera” araba? Che fine hanno fatto i tanti profughi cristiani e di altre minoranze etniche e religiose cacciati l’estate scorsa dalle loro case e dai loro villaggi nel nord dell’Iraq? …
|

Ripensare la solidarietà

Invitiamo chi è interessato e nella possibilità di partecipare, all’incontro che si terrà venerdì 23 ottobre (ore 18,30) al Centro Studi Bruno Longo (in via Le Chiuse, 14) di Torino sul tema “Ripensare la solidarietà”. Interverra…

Associazione Culturale
L'Atrio dei Gentili

Via Vescovado, 12
I-12045 Fossano (CN)

info@atriodeigentili.it

Con il supporto di: