Anno pastorale 2013/2014

Dalle periferie, un altro sguardo

“Perché la realtà si capisce meglio non dal centro, ma dalle periferie” PAPA FRANCESCO, 26 maggio 2013

Cosa significa guardare il mondo dalla periferia? E in che senso si capisce meglio la realtà? E come accade che proprio dal centro, dal Papa stesso, ci venga l’invito a guardare il mondo dalle periferie? Forse perché è la stessa persona che era vescovo “alla fine del mondo”, fino a pochi mesi fa? E come si distingue la differenza di sguardo? In fondo ciascuno di noi vede le cose con i propri occhi e non è facile comprendere come possano esserci altri sguardi…
La Parola di Dio scritta nella Bibbia è anche il racconto di una esperienza di fede di un popolo “di confine”, piccolo e irrilevante o quasi nel contesto del tempo. E il Figlio di Dio, Gesù, centro di tutta la storia, si fa uomo in quel popolo, in quella terra, in quella periferia.
Dunque non è affatto questione secondaria sapere quale luogo si abita e capire il mondo dalla parte di chi è apparentemente irrilevante.

l punto di origine dell’etica cristiana è l’incarnazione.
Non è scritto: Dio divenne una idea, un principio, un programma, qualcosa di universalmente valido, una legge, bensì Dio divenne uomo. Ciò significa che la forma di Cristo, per quanto sia e rimanga identica, vuole tuttavia prendere forma in uomini reali e cioè in maniere molto diverse. Cristo non elimina la realtà umana in favore di un’idea, che esigerebbe di essere attuata contro il reale, ma, al contrario, la mette in vigore, la conferma, anzi egli stesso è l’uomo reale e così il fondamento di tutta la realtà umana.
La conformazione secondo la forma di Cristo comporta perciò due cose: che la forma di Cristo rimanga se stessa, ciò che essa è in maniera irripetibile: il Dio incarnato, crocifisso e risorto; inoltre che proprio per amore della forma di Cristo la forma dell’uomo reale sia preservata, e così l’uomo reale riceva la forma di Cristo. In questo modo siamo distolti da un’etica astratta e orientati a un’etica concreta. Non ciò che sarebbe buono una volta per tutte può e deve essere detto, ma come Cristo prenda forma tra noi oggi e qui.
Dietrich Bonhoeffer

I testi del percorso di Lectio sono pubblicati nel libro:
Stella Morra, “Dalle periferie un altro sguardo”, Ed. Effatà, 2015

DataTitoloCommento a:
12 Ottobre 2013
Stella Morra
1. Un altro sguardo
2 Sam 12, 1-25
Leggi di più
30 Novembre 2013
Stella Morra
2. Mettersi al centro fa nascere periferie
Gen 11, 1-9
Leggi di più
21 Dicembre 2013
Stella Morra
3. Combattere e vincere dai confini?
Gs 5, 13-6,5.17-19
Leggi di più
11 Gennaio 2014
Stella Morra
4. Un non-uomo
Is 53, 1-12
Leggi di più
1 Febbraio 2014
Stella Morra
5. Due strategie
Lc 8, 40-56
Leggi di più
1 Marzo 2014
Stella Morra
6. Di fronte a Dio
Lc 18, 9-17
Leggi di più
12 Aprile 2014
Stella Morra
7. Questa generazione
Lc 7, 18-35
Leggi di più
3 Maggio 2014
Stella Morra
8. Un altro sguardo
Mt 25, 31-46
Leggi di più

Associazione Culturale
L'Atrio dei Gentili

Via Vescovado, 12
I-12045 Fossano (CN)

info@atriodeigentili.it

Con il supporto di: